vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

A14, auto sbanda, due persone fuori dall'abitacolo: muore operaio

Più informazioni su

VASTO – Una carambola mortale in un tratto non rettilineo. La portiera della Renault Megane che si apre all’improvviso e due persone che volano fuori dall’abitacolo, schiantandosi sull’asfalto bagnato dell’autostrada A14.

E’ così che si è spezzata sul colpo la vita di Antonio Di Benedetto, 54 anni di Barletta. Tornava in Puglia insieme ad altri tre colleghi, tutti operai come lui. Il dramma si è consumato alle 16.25, ora in cui la polizia autostradale del Distaccamento di Vasto Sud ha fatto scattare l’allarme e dato il via alla macchina dei soccorsi. Non lontano dal casello meridionale della città, la vettura ha perso aderenza dall’asfalto. Aveva ormai percorso quasi tutto il tratto abruzzese dell’autostrada.

Al chilometro 445 la derapata fatale. L’uomo alla guida perde il controllo della macchina e non riesce più a rimetterla in carreggiata. Non fa nemmeno in tempo a provarci, perché si apre la portiera. I due colleghi che si trovano sul sedile posteriore vengono scaraventati fuori. Per Di Benedetto non c’è niente da fare. Muore sul colpo.

L’altro, D.R., 57 anni, viene soccorso dai medici del 118, accorsi sul posto insieme a poliziotti e vigili del fuoco. I soccorritori si rendono conto che le sue condizioni sono molto gravi. Chiedono e ottengono l’arrivo di un’eliambulanza, con cui l’uomo viene trasportato d’urgenza all’ospedale di Chieti, dove i sanitari dispongono l’immediato ricovero nel reparto di rianimazione. Intanto, la persona che era al volante è uscita sulle sue gambe dalla Renault, ma è sotto shock.

L’operaio viene accompagnato all’ospedale San Pio da Pietrelcina di Vasto. Le sue condizioni non sono giudicate gravi. Il magistrato di turno, sostituto procuratore Giancarlo Ciani, ha disposto la ricognizione cadaverica esterna per l’accertamento delle cause della morte del cinquantaquattrenne.  

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su