vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Proposte degli albergatori del Consorzio per il turismo

Più informazioni su

VASTO – Oggi pomeriggio, al Tavolo del Turismo in Municipio, il Consorzio Golfo d’Oro, che riunisce gli albergatori vastesi, ha presentato delle proposte concrete e delle richieste al sindaco Luciano Lapenna, con uno sguardo ai prossimi anni di mandato della nuova amministrazione. Sono punti su cui si è discusso in breve durante l’incontro del pomeriggio, finalizzato più che altro sulle urgenze per la stagione estiva 2011, ma che restano come spunti per il futuro.

Queste le tematiche illustrate dal presidente del Consorzio, Michele Di Chiacchio.

Approvazione definitiva del piano spiaggia, “diventa indispensabile migliorare la fruibilità turistica delle nostre spiagge, la qualità degli insediamenti, garantire tutela e valorizzazione dell’ambiente, nonchè porre attenzione al decoro urbano, al problema degli scarichi in mare e della rete fognaria di Vasto Marina, ormai al collasso”.

Si passa poi alla protezione dell’area SIC e la sua fruibilità turistica con uno sviluppo ecostenibile.

Attenzione anche al commercio, con “il favorire l’apertura costante dei negozi che operano nel centro storico e la trasformazione del mercationo serale di Vasto Marina. Riteniamo urgente la sua caratterizzazione in un mercatino tipico, con sinergie tra turismo e piccoli produttori locali”.

Importanza anche ai trasporti, con il collegamento con l’Aeroporto di Pescara e la regolamentazione del servizio pubblico dei trasporti urbani e la promozione di “una licenza taxi con attesa alla stazione ferroviaria”. Necessaria anche “la messa in posa di limitatori di velocità lungo la ss16 che attraversa il tratto urbano di Vasto Marina”.

Nella fase in cui il sindaco è alle prese con la composizione della giunta, il Consorzio suggerisce di creare un “assessorato unico dedicato a turismo-cultura-sport, poichè esperienze simili sono state sperimentate e riscontrate in altre città”.

Sempre sul fronte amministrativo si propone “la costituzione di una società mista pubblico-privata tra il Comune e le associazioni cittadine, per consentire lo sviluppo di risorse economiche e progettuali a sostegno dello sviluppo turistico”.

In questo senso gli operatori ritengono necessario”inviduare un’adeguata sede dove allocare tutto quello che ruota intorno al settore: assessorato, ufficio informazioni, ufficio reclami, IAT, sedi dei consorzi/associazioni, guide turistiche”.

Giuseppe Ritucci

 

Più informazioni su