vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Della Porta e D'Alessandro:"Dal sindaco risposta superficiale"

Più informazioni su

VASTO – “Riteniamo che la risposta del sindaco sia superficiale e piuttosto debole”. Non accennano a placarsi le polemiche sul primo Consiglio comunale di Vasto. Mario Della Porta, candidato sindaco del centrodestra alle elezioni, controreplica alle dichiarazioni di Luciano Lapenna, che aveva difeso la procedura seguita nella seduta d’insediamento: “E’ chiaro che lui può, ci mancherebbe altro, nominare gli assessori, ma non è un problema nostro, se li nomina tutti e 7 insieme, li fa decadere da consigliere esponendo, in Consiglio, la sua maggioranza a diventare minoranza. Comunque, una cosa è evidente: al sindaco non piace la parola surroga, nonostante sia prevista in 3 articoli del regolamento del Consiglio comunale (e, precisamente, gli articoli 6 comma 5, 37 e 93) i quali stabiliscono che solo una delibera del Consiglio comunale può operare la sostituzione dei consiglieri che hanno cessato, per qualsiasi causa, l’attività”.

Rincara la dose Davide D’Alessandro (ApV): “Non è un caso – afferma il consigliere comunale – se i Comuni di Milano, San Benedetto, Francavilla al Mare, Chioggia e tanti altri l’hanno espressamente inserita come punto all’ordine del giorno. A Vasto no, perché qualcuno ha ritenuto che i consiglieri subentranti scattassero automaticamente. Non è così”, sostiene D’Alessandro. “Il sindaco trascura volutamente l’altro grave atto: la mancata dichiarazione di esecutività. Insomma, tanta confusione. Ecco perché non ci resta che chiedere al Tar di ripristinare la correttezza delle regole palesemente violate”.

micheledannunzio@vastoweb.com

 

Più informazioni su