vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

ApV: "Sì alla commissione d'inchiesta sugli scarichi"

Più informazioni su

VASTO – Sì alla commissione d’indagine sugli scarichi a mare. Davide D’Alessandro, consigliere comunale di Alleanza per Vasto, dice sì alla proposta avanzata ieri da Massimo Desiati (Progetto per Vasto) ed Etelwardo Sigismondi (Pdl) di costituire in Consiglio comunale un organo d’inchiesta per far luce su cause e responsabilità dello sversamento in mare di liquami, come accaduto più volte durante questa stagione balneare a Fosso Marino e, ad agosto, anche nella parte settentrionale della spiaggia.

“Con tutto ciò che è accaduto – afferma D’Alessandro  e con quanto continua ad accadere, tra le fogne e le auto-spurgate di una città a vocazione turistica, ritengo che la richiesta avanzata dai colleghi Desiati e Sigismondi, di costituire una Commissione speciale di indagine relativamente alle cause degli sversamenti dei liquami negli scarichi a mare ed eventuali pregiudizi per la salute pubblica, sia da appoggiare totalmente, senza se ma con un “ma”. A patto che, come quasi tutte le Commissioni istituite nel nostro amabile ma strano Paese, non finisca per trascurare o, peggio, per occultare ciò che dovesse palesemente emergere.

È necessario ed è urgente sapere e fare chiarezza. Lo impone l’alto senso di responsabilità che le Istituzioni debbono avere nei confronti dei cittadini. Non per accusare tizio o caio, non per andare a ritrovare i colpevoli di una situazione scandalosa che è degenerata nel corso degli anni, ma perché tutto aiuti ad affrontare e risolvere il problema.

Nel precedente Consiglio Comunale, insieme alla maggioranza, abbiamo impegnato il Sindaco affinché reperisca i finanziamenti utili per porre fine a una situazione non più procrastinabile. Vasto è in ginocchio. C’è chi, giustamente, è preoccupato per la sua economia che declina, per i turisti in costante calo, ma i pericoli più insidiosi potrebbero riguardare anche l’assetto instabile del territorio.

L’attuale primo cittadino, va detto con sincerità e buon senso, ha una piccola parte di responsabilità, riferita soltanto al quinquennio 2006-2011, ma questa emergenza lo vede impegnato ancora come Sindaco e il Sindaco è chiamato a risolvere con decisione o, quanto meno, a fare tutto il possibile per risolvere.
Alleanza per Vasto è favorevole alla Commissione d’indagine e spera che tutto il Consiglio Comunale si possa esprimere con un sì convinto. La verità, se produttiva della soluzione tanto auspicata – conclude D’Alessandro – non deve far paura a nessuno”.

Spinnato – “Avevate dato per risolto il problema in luglio ed invece eccolo che si ripresenta puntuale dopo pochi giorni: come il fantasma dell’opera”. Antonino Spinnato, della Costituente ecologista di Vasto, si rivolge a Vincenzo Sputore, assessore comunale ai Servizi. 

“Non abbiamo – afferma l’ambientalista – il risultato delle analisi dell’Arta. O meglio, li ha il sindaco e non li ha ancora resi pubblici. Ma non disperiamo che lo farà.
Insistiamo sul fatto che i divieti imposti vanno fatti rispettare, impiegando del personale apposito: i vigili urbani per esempio. Perché se ancora non si è capito qui c’è in gioco la salute delle persone.
Dubitiamo altrimenti sulla efficacia del divieto imposto”.

Più informazioni su