vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

"Sul parco, maggioranza senza proposte"

Più informazioni su

VASTO – “La maggioranza non ha presentato alcuna proposta cartografica, limitandosi a dichiarazioni di massima affatto sostenute né da cartografie né da una volontà univoca della maggioranza, appunto”. Altro che accordo raggiunto: nel centrosinistra non c’è nessuna intesa sull’estensione del Parco della Costa teatina. Lo affermano Massimo Desiati e Andrea Bischia, consiglieri comunale di Progetto per Vasto, dopo la riunione della commissione assetto del territorio, che ieri ha discusso della questione.

“Nel corso dei lavori – sostengono i due rappresentanti di PpV – si è evidenziata una fondamentale differenza tra le posizioni dei gruppi che sostengono la maggioranza, a smentire quanto sostenuto ieri dal sindaco Lapenna (ampiezza 500 metri dalla costa)  in ordine ad una trovata quadra sul delicato tema della perimetrazione”.

Balza all’evidenza, desta forte preoccupazione e valga a titolo esemplificativo, la volontà espressa, durante i lavori della Commissione da parte, questa volta, dell’intera maggioranza, di voler inserire nei confini del Parco l’intero agglomerato urbano di Vasto Marina, senza considerare ciò che tale indicazione potrà comportare.
Progetto per Vasto, nei giorni scorsi, unico gruppo consiliare, ha chiaramente fatto conoscere il proprio pensiero: delimitazione ricompresa tra la costa ed il vecchio tracciato ferroviario, con inclusione delle sole aree già sottoposte a vincolo naturalistico (Punta d’Erce e zone Sic) ad esclusione di tutte le altre”.

E’ questa la proposta che Desiati e Bischia presenteranno in Consiglio comunale nella seduta del 22 settembre.

“A sostegno di questa visione – sottolineano – è intervenuto un Ordine del Giorno di indirizzo, approvato ieri dal Consiglio regionale d’Abruzzo, nel quale si ripercorrono i medesimi elementi di confine e gli stessi criteri da noi suggeriti. Riteniamo, in definitiva, che quanto in esso contenuto debba essere accolto dall’amministrazione vastese”.

                                                           

Più informazioni su