vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Iniziative per i giovani? Decidono i giovani

Più informazioni su

VASTO – Saranno 400 giovani di età compresa tra i 15 e i 30 anni il termometro degli umori e delle aspettative dei ragazzi di Vasto. Tanti saranno, infatti, i questionari che lo Sportello Informagiovani distribuirà in città. Ventitré domande per capire cosa fanno i teenager, i giovani maggiorenni e coloro che ormai sono giunti alla soglia dell’età adulta. “Per comprendere se sono a conoscenza delle iniziative della Consulta giovanile, cosa fanno, se lavorano, se sono studenti-lavoratori e come si relazionano con la città”, spiega Cristina Colanzi, responsabile dello Sportello Informagiovani.

E’ inserita nel progetto europeo Programma Gioventù l’iniziativa che rappresenterà un ponte tra Vasto e la Romania. E’ promossa, oltre che dalla Consulta e dall’Informagiovani, anche dal comitato provinciale di Chieti dell’Arci Nuova Associazione e da due soggetti rumeni: la Provincia di Ilvov e l’associazione Agenda 21 di Bucarest. Il prossimo anno la capitale della Romania sarà più vicina a Vasto, dove la comunità rumena ha ormai superato abbondantemente le mille unità. Due gli obiettivi: “Dare voce ai bisogni dei giovani delle due città e canalizzarne le forze per ottenere, attivamente e in prima persona, il loro soddisfacimento”, si legge in una nota degli organizzatori.

La presentazione – L’iniziativa è stata presentata stamani in una conferenza stampa in municipio dal vice sindaco, Antonio Spadaccini, insieme a Lino Salvatorelli, presidente locale e provinciale dell’Arci, Francesco Del Viscio, presidente della Consulta giovanile di Vasto, Marco Marra, assessore comunale, e Cristina Colanzi, responsabile dello Sportello Informagiovani.

“E’ il quindicesimo anno di attività nell’ambito del Programma Gioventù”, sottolinea Salvatorelli. “La città di Bucarest ci ha invitato a questo progetto. L’abbiamo già attuato a Torino di Sangro, ora facciamo la stessa cosa a Vasto, nell’ottica di coinvolgere tutto il territorio provinciale”. Dieci volontari in città, altrettanti nella capitale rumena si occuperanno di distribuire i questionari a 400 loro concittadini di età compresa tra i 15 e i 30 anni.

“Sarà un’analisi sociologica sui giovani vastesi”, annuncia Del Viscio. “Verrà utilizzata nell’ambito di tre meeting che si terranno a primavera, da marzo a maggio, con lo scopo di confrontarsi prima con l’analisi, poi con i progetti già realizzati e la realtà sociale di Vasto e, infine, elaborare un progetto proprio. Un piano di azione condiviso con le istituzioni locali”.

Il Programma costerà complessivamente 42mila euro, 32mila dei quali finanziati dalla Commissione europea, altri 10mila a carico di Arci, Agenda 21 e Provincia di Ilvov.

“E’ utile ed essenziale coinvolgere i giovani della Consulta per creare momenti di aggregazione e di contatto, non solo su internet. Per noi è importante anche la presenza fisica, il guardarsi negli occhi”, sottolinea la Colanzi.

“La finalità – spiega Spadaccini – è verificare le opportunità di coinvolgere i giovani nei processi decisionali”. “La mia soddisfazione sta nella continuità rispetto ai progetti già attuati”, commenta Marra, che ora è assessore ai Lavori pubblici, ma per due anni è stato titolare della delega ai Servizi sociali. “Proseguono i progetti internazionali della Consulta, che è stata già in Svezia e ora si avvale del bagaglio di conoscenze e dell’indispensabile rete di partner che l’Arci può vantare”.

Più informazioni su