vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Menna verso i Comunisti italiani: torna il partito di Diliberto?

Più informazioni su

VASTO – Ivo Menna aderisce ai Comunisti italiani? Non è solo una voce. Sono stati già avviati i primi contatti tra l’ambientalista vastese e il partito di cui è leader nazionale l’ex ministro Oliviero Diliberto. Da diversi anni il Pdci non ha una sezione a Vasto. Ora a prendere in mano il partito potrebbe essere l’ex candidato sindaco della lista civica La Nuova Terra. Alle elezioni comunali del 15 maggio 2011 Menna ha ottenuto 277 voti, insufficienti a conquistare un seggio in Consiglio comunale perché la lista da lui capeggiata ha raccolto la miseria di 51 voti, lo 0,22% del totale.

Il Consiglio comunale di ieri ha detto no alle centrali a bimasse, “un voto contrario a nuovi impianti industriali inquinanti. Riteniamo questo un fatto largamente  positivo perchè finalmente la politica ha recepito parzialmente la grande protesta delle associazioni ambientaliste e civili e dei cittadini firmatari (5.200) contro gli impianti inquinanti nel sito di Punta Penna”, commenta Menna.

“Ma puntualizziamo che i deliberati approvati in consiglio comunale, non porteranno nessun contributo alla salvaguardia dell’ambiente se da parte dei partiti politici e dei consiglieri comunali non vi sarà una azione di energica pressione nei confronti del presidente della Provincia Di Giuseppantonio, del presidente della Regione Gianni Chiodi e dei consiglieri regionali del territorio vastese Antonio Prospero, Giuseppe Tagliente, Antonio Menna, Paolo Palomba, Nicola Argirò (Presidente della V commissione della Regione Abruzzo); dell’assessore regionale  Mauro Febbo, nonché dei parlamentari Giovanni Legnini (Pd),  Fabrizio Di Stefano (Pdl), Lanfranco Tenaglia (Pd), Alfonso Mascitelli (Idv), Piccone (Pdl).
Non c’è tempo da perdere. La città – è l’allarme lanciato da Menna – non può vivere nell’incertezza dei tempi di una politica che ha volutamente omesso,  trascurato, e scientemente pianificato da moltissimi anni l’elemento della difesa ambientale, della tutela della salute e della ricerca di un nuovo modello di sviluppo fondato sul turismo e sul commercio di un’area preziosa come quella di Punta Penna.
Se tutto questo non sarà fatto il Consiglio comunale di ieri sarà stato solo una perdita di tempo, uno sperpero di denaro pubblico, e una grande illusione per i cittadini vastesi e gli operatori economici”.

micheledannunzio@vastoweb.com

 

Più informazioni su