vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

"Pasquone", anche con la pioggia si rinnova la tradizione

Più informazioni su

VASTO – Le festività sono sempre accompagnate da tradizioni, più o meno antiche, che rendono lieti i giorni di vacanza. Oggi, lunedì dell’Angelo, o lunedì di Pasqua, un po’ ovunque vi è l’abitudine di fare una scampagnata. A Vasto è il giorno de “Lu Pasquone”, anche se negli ultimi anni c’è la tendenza, soprattutto tra i giovani, di chiamare questa giornata “Pasquetta” (che però per i vastesi è il 6 gennaio). Dibattito sui nomi a parte, nel corso degli anni si sono creati appuntamenti fissi per questa giornata. Tradizioni che durano ancora oggi, o che magari sono scomparse nel corso degli anni.

Tante le “comitive” di persone che si ritrovano per passare la giornata insieme in luoghi più o meno lontani. Spesso però la giornata è condizionata dal maltempo, visto che siamo in piena primavera, e allora si è costretti a trovare soluzioni di ripiego pur di trascorrere una giornata nel segno dello stare assieme e del divertimento.

Grazie all’archivio fotografico di Fernando D’Annunzio abbiamo rispolverato una tradizione andata avanti per tanti, quella del Pasquone organizzato dai Salesiani di Vasto. Un gruppo di parrocchiani e non, per tanti anni si è ritrovato prima alla Grotta del Saraceno e poi per alcuni anni al Camping L’Uliveto, per trascorrere la giornata del lunedì di Pasqua. Dopo la celebrazione della Messa iniziava il momento del pranzo, con il tipico scambio di pietanze tra le varie famiglie, per assaggiare le specialità di tutti. Il pomeriggio era sempre caratterizzato da un momenti di divertimento, guidato da Ezio Pepe, dai musicisti che portavano strumenti di ogni tipo e dall’apertura dell’uovo di pasqua gigante. Una tradizione andata avanti fino alla metà degli anni novanta e che in molti ricorderanno con piacere.

Oggi, sono soprattutto i giovani a vivere questa giornata all’insegna del divertimento, con un occhio alle previsioni meteo, pronti a far scattare il “piano B” in caso non si possa stare fuori. Tra grigliate e partite a pallone senza fine, la giornata scivola via per poi ritornare alla quotidianità con la fine delle vacanze.

Per l’occasione pubblichiamo anche una poesia in dialetto vastese del poeta Fernando D’Annunzio, che ben descrive la scena tipica di una comitiva che vive il Pasquone.

Lu Pasquone
  ( Il Lunedì di Pasqua)

A’huanne è nu Pasquone prupie bbelle!
Mi li vuje gudè chišta jurnàte!
Màchine, tavilìne, siggilélle…
La ggende, soccia-socce spalijàte.

Šta chi cummatte nghi la furnacèlle,
chi šta ‘mmezz’a la jèrive allungàte,
ddu’ femmene che va’ pi’ cicurèlle
e ‘na cuppiette che già s’è ‘nfrattàte.

Sciuje mandricchie e scupirchie tijèlle !
Sagne, pilleštre, rrobb’a vulundà ;
secci’aripjìne, pulpe, frittatèlle…

Li pupe e li cavelle n’ po’ mangà.
Lu vine, a damiggiàne e ‘mbajatèlle.
Sole huardanne, ggià ti pù sazià !

< Trumminde che si fa li carivùne,
acchiappe ‘ssa chitarre, Raffajè !
Facèmeje nu pare di canzune:
“Uašt’è bbelle” e ddoppe “Marijè”. >

< Favurisce, ci šta li cannillune;
l’adà pruvà, li fa la moja me’ !
Bbun’accuscì ni’ li sa fa nisciùne,
è rrobbe che po’ jì ‘nnanz’a lu rrè. >

< Cumbà, šta li scarciòfin’aripjìne…
sett’ otte ti li vuje fa ‘ssaggià!
E assagge se tti piace chištu vine! >

< L’agnell’è pronde, si po’ ggià caccià,
ma prime šta nu ccone vindricìne…>
< Nin ci fa cirimonie, uè cumbà !…>

…I’ v’aringrazie, …ci’aripasse doppe.
( A’ssamme jì’ ca n’addr’e ccone šcoppe. )

Fernando D’Annunzio

Redazione Vastoweb

Più informazioni su