vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Graffiti sui vagoni fermi in stazione, denunciato 32enne

Più informazioni su

VASTO – La scorsa notte un giovane di 32 anni è stato bloccato e denunciato a piede libero, dopo essere stato sopreso a realizzare graffiti sui vagoni in sosta presso la stazione ferroviaria di Vasto-San Salvo.

“Si tratta di un uomo di origini inglesi – spiega il vice questore Cesare Ciammaichella-, ma residente in città ormai da diverso tempo.  Insieme ad altri tre amici, armato di una serie di bombolette spray di vari colori, alle ore 23.30 della notte appena trascorsa, si è recato dietro la stazione ferroviaria di Vasto – San Salvo e precisamente tra il 4° e il 5° binario, ove erano parcheggiati alcuni vagoni ferroviari.  Con il calar della notte il gruppo è entrato all’opera, pronto a realizzare il graffito sulle carrozze del treno”.

E’ però giunta una chiamata al 113, da parte di un cittadino allarmato vedendo le tre figure muoversi tra i binari ferroviari. La volante si è prontamente portata sul posto, sorprendento uno dei tre writers ancora con la bomboletta di vernice in mano.

“Gli altri tre – spiega Ciammaichella- con la complicità della notte, sono riusciti a dileguarsi nelle campagne circostanti. Il giovane bloccato dalla Polizia è stato accompagnato negli uffici del Commissariato, identificato per H.C., di anni 32 è stato denunciato a piede libero ai sensi dell’art. 639 del C.P..Lo zaino, contenente il materiale utilizzato per il deturpamento dei vagoni, è stato sequestrato.

I “writers” – commenta il vice questore non hanno ben calcolato gli effetti della loro bravata, perchè si rischia la reclusione fino a sei mesi,  in quanto il deturpamento è avvenuto su mezzi di trasporto pubblici. Se poi ad essere imbrattati sono monumenti storici o artistici la reclusione può arrivare a un anno e la multa a 3mila euro. Se i fermati sono recidivi la pena arriva fino a due anni di carcere e la sanzione a 10.000 euro. 

La rimozione dei graffiti comporta lo stop di ogni carrozza nelle officine, per un’intera giornata. Ai danni  causati dai graffiti, oltre alla sosta forzata dei mezzi nelle officine, si aggiungono le ingenti somme di denaro da utilizzare per la ripulitura, con inevitabili ripercussioni sul servizio pubblico e con il conseguente disagio della collettività”.

Redazione Vastoweb

Più informazioni su