vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Prognosi di 25 giorni per il vastese accoltellato a Pescara

Più informazioni su

PESCARA. E’ stato dimesso dall’ospedale, del capoluogo adriatico, con una prognosi di 25 giorni, il vastese Aurelio Di Pinto, 44 anni accoltellato ieri pomeriggio in via Firenze, nel centro di Pescara.

L’uomo residente a Pescara, è stato colpito da un uomo che è  fuggito, all’interno dei locali della gastronomia napoletana e siciliana “Cotto e mangiato”.

Di Pinto è stato soccorso da alcuni passanti e trasportato in ambulanza in codice giallo al pronto soccorso con ferite multiple da arma da taglio. Sembrerebbe che la discussione con il suo aggressore sarebbe nata per motivi economici: l’aggressore avrebbe estratto un’arma ferendo il vastese in diverse zone del corpo.

Gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Pescara, sono riusciti a risalire al presunto responsabile dell’accoltellamento, un pescarese di 37 anni, Emanuele Paolini.

Dalle prime indagini sembrerebbe essere emerso che Di Pinto, insieme alla compagna e ad un altro amico, si trovava  nel negozio del centro di Pescara per discutere con il proprietario del mancato pagamento ad una dipendente sua amica. Nel locale, chiuso per lavori, c’erano il proprietario, Paolini ed un’altra persona. Quando la discussione è degenerata, Paolini avrebbe colpito Di Pinto per poi fuggire.

L’inchiesta è coordinata dal pubblico ministero Anna Maria Mantini.

Paola D’Adamo    paoladadamo@vastoweb.com

Più informazioni su