vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Arrestato per un errore d'identità. Nei guai per omonimia

Più informazioni su

VASTO. Tutta colpa di un caso di omonimia. E’ finito in carcere per un errore di identità. Di lui la stampa vastese si era occupata nell’autunno del 2010 quando schiacciato dalla crisi, Angelo Carboni, 43 anni piuttosto che vedere morire gli animali allevati nella sua azienda di vallone Maltempo aveva collegato illegalmente l’impianto elettrico ad un cavo dell’alta tensione. La scorsa settimana è stato arrestato su ordine della Procura di Cagliari per scontare un cumulo di pene di 8 anni e mezzo. “Ma questa volta l’Angelo Carboni che cercava la Procura sarda non era il mio cliente”, assicura il legale dell’uomo, l’avvocato Gianni Menna. 
L’errore di identità è stato riconosciuto dal Tribunale di Cagliari. “Al termine dell’udienza alla quale ero presente la Camera di Consiglio ha riconosciuto l’errore di identità”, assicura l’avvocato Menna. “Il mio cliente chiede quindi che il giudice di sorveglianza del Tribunale di Pescara in attesa che la vicenda giudiziaria faccia il suo corso gli conceda i domiciliari. Carboni ha un’azienda. Se il raccolto va a male e gli animali muoiono è rovinato”. Angelo Carboni non si da pace. E’ disperato e chiede aiuto. Con un passato travagliato alle spalle da quando ha avviato l’azienda ” La Selva” ha ritrovato la serenità. “L’ultimo incidente con la giustizia , il furto di energia per il quale è stato condannato a 6 mesi lo ha commesso per non veder morire i suoi animali. Da allora l’allevatore si è sempre comportato bene”, assicura l’avvocato Gianni Menna.  Paola%20Calvano%20(paolacalvano@vastoweb.com)
 

Più informazioni su