vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Pilkington condanna il campanilismo e invita tutti ad unirsi per far rinascere il territorio

Più informazioni su

SAN SALVO. E’ una iniezione di speranza e di incoraggiamento il messaggio di Natale lanciato ai dipendenti e al Vastese dal presidente della Pilkington Italia, Graziano Marcovecchio. Venerdi nel corso del consueto incontro di fine anno il manager ha premiato i lavoratori  più anziani e i dipendenti chi si sono distinti per i risultati ottenuti nel 1973, 83 e 93 con una medaglia.
A 10 figli di dipendenti che si sono laureati con il massimo dei voti è stato consegnato un premio in denaro e con i disegni dei più piccoli dedicati alla fabbrica di Piana Sant’Angelo, Pilkington ha realizzato il calendario del 2014. “Perchè questa è in fondo una grande famiglia ed è giusto premiare anche i bambini”, ha spiegato Marcovecchio. 
Il futuro è ancora pieno di sacrifici e rinunce ma dopo due anni di ordinativi in picchiata il grafico è stabile. Le notizie arrivate da Roma sui contratti di solidarietà hanno rincuorato il manager e i lavoratori. Mentre altre fabbriche del gruppo hanno chiuso (Nord Europa e Marghera), San Salvo continua a produrre e per i prossimi due anni i duemila dipendenti andranno a rotazione in solidarietà. 
Nel frattempo, nonostante la crisi Pilkington è riuscita a stabilizzare 220 assunzioni. Proprio come avvenne negli anni 60 l’industria vetraria nel 2014 avrà il non facile compito di tenere a galla l’economia del territorio e traghettarla verso la ripresa. “Per vincere bisogna lavorare tutti insieme, azienda, istituzioni, politica, sindacati e anche i media. Basta campanilismi. Il mio motto è premiare chi lavora e chi produce lavoro. Vanno eliminati i diritti acquisiti e le posizioni di rendita. Abbiamo un debito generazionale con i giovani: dobbiamo rispettarlo per rispetto anche dei nostri padri che ci hanno dato tutto quello di cui oggi disponiamo”, ha detto Marcovecchio. 
Il manager ha plaudito alla fusione di Confindustria Pescara con Chieti e lo ha detto ai due presidenti( Marramiero e Paolo Primavera) presenti alla cerimonia. Il presidente ha anticipato poi alcune novità in arrivo attinenti la sicurezza e diversi progetti ambientali. “Ci aspetta un anno ancora duro ma, lo ripeto, remando tutti insieme nella stessa direzione il Vastese e l’Abruzzo possono farcela”.  Paola Calvano (paolacalvano@vastoweb.com)

Più informazioni su