vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

I gatti randagi graffiano un cittadino : la Asl deve risarcirlo. A sancirlo è la Corte d’Appello

Più informazioni su

VASTO – La sentenza è destinata a fare giurisprudenza.La Corte d’Appello dell’Aquila ha riformato la sentenza di primo grado che condannava il Comune di Vasto e dichiarato responsabile della mancata campagna di prevenzione la Asl Chieti-Lanciano Vasto. L’azienda ora dovrà risarcire i genitori della piccola diventata nel frattempo una bellissima ragazza. 
L’aggressione subita dalla bambina il 4 maggio del 2002 nel centro storico di Vasto da parte di una colonia di gatti randagi costerà alla Asl Lanciano-Vasto  15 mila euro. La Corte d’Appello dell’Aquila ha accolto il ricorso del Comune  avverso la sentenza di primo grado che era stata emessa  dal Tribunale di Vasto nel 2008. I giudici della Suprema Corte hanno ritenuto che la mancata prevenzione del randagismo sia da addebitare all’Azienda sanitaria e non all’Ente locale.
I giudici aquilani hanno condannato la Asl al risarcimento dei danni in favore dei genitori della ragazza quali esercenti la patria podestà. La Asl è stata condannata  inoltre a rimborsare la famiglia anche delle spese legali sostenute per il doppio grado di giudizio. Paola Calvano (paolacalvano@vastoweb.com)  

Più informazioni su