vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Un giovane denuncia: "La consulta giovanile è per pochi, non per tutti"

Più informazioni su

VASTO. “Avete mai sentito parlare della consulta giovanile di Vasto? No? Tranquilli, è normale. Sebbene stiano per eleggere il suo presidente per la seconda volta -dichiara un ex consultante deluso- e siano 4 anni che esiste.

Organismo comunale di rappresentanza giovanile creato per aggregare i ragazzi ma che pare non faccia molto per farsi vedere, anzi.

Dico ”anzi” perché da statuto costitutivo, consultabile all’indirizzo scritto di seguito, dovrebbero rendere pubblico tutto quello che accade all’interno, cercare di promuovere con ogni mezzo le attività della stessa: eppure, da tanto tempo, le notizie ufficiali, sono pressoché zero.

La consulta dispone di un sito, raggiungibile all’indirizzo http://consultagiovanilevasto.blogspot.it/ dal quale “dovrebbe”, pubblicare i resoconti delle sedute, le iniziative intraprese, la convocazione delle riunioni, l’utilizzo dei soldi comunali che aveva a disposizione, eppure niente di tutto ciò viene reso pubblico.

Da tempo l’indirizzo del blog dell’organo comunale che ha come scopo informare e aggregare i ragazzi di Vasto, tace alla grande.

Nei social network (Facebook), ha un profilo, ha una pagina, ha un gruppo, è presente su Twitter eppure informazioni col contagocce, qualche link di altro qui e lí, e se volete scrivere qualcosa nel gruppo ‘ufficiale’ (https://www.facebook.com/groups/consultagiovanilevasto/?fref=ts), dovete prima passare per l’approvazione (presente al momento in cui scrivo questa lettera, potrebbe essere rimossa in qualunque momento): se il vostro post non piace a ”qualcuno”, non viene pubblicato; democratico, vero? Forse no.

La domanda è davvero lecita; ma la consulta, è davvero di tutti, o serve un invito per potervi partecipare?

Ve lo dico io, la consulta è pubblica, chiunque può partecipare, chiunque può iscriversi, ma, ahimè, se pensavate di poter eleggere il presidente della stessa, arrivate tardi, perché purtroppo non fareste in tempo, visto che, da statuto, può votare solo chi risulta iscritto da almeno 3 mesi. E le elezioni, a quanto pare, saranno a gennaio, per eleggere un presidente che resterà in carica 2 anni.

Direte voi, ma come facevo a saperlo se non era scritto da NESSUNA parte? Non sul blog ufficiale, non su Facebook, non su Twitter ho mai letto che ci sarebbero state le elezioni, come facevo a saperlo se non ero a conoscenza neppure di come e quando si facevano le riunioni?

Ed è questo il motivo che mi ha spinto a scrivere questa lettera ai giornali.
L’ostinato silenzio, ingiustificabile visti i moderni mezzi tecnologici a disposizione anche del più pigro dei gestori delle comunicazioni; pochi click e puoi far sapere a tutti cosa succede; invece, niente. Silenzio.

Addirittura l’ultima riunione è stata pubblicata dal profilo ufficiale della consulta giovanile solo DOPO che un’iscritta ha deciso di creare di sua spontanea volontà un evento pubblico, cercando di portare più gente possibile a conoscere la consulta, ed è stata addirittura contestata nel suo operare! Assurdo.

Allora sono qui perché forse non a tutti i ragazzi interesserà rimboccarsi le maniche e cercare di fare qualcosa per la propria città, ma potrebbero essercene tanti ai quali andrebbe di darsi da fare ma non hanno mai saputo dell’esistenza di un luogo dove potersi riunire quantomeno per provarci.
Sono qui per denunciare questo silenzio, che fa sí che le cose restino a conoscenza di pochi; e chissà poi perché, visto che ci vuole proprio poco per farle sapere a molti.

Chiedo che le elezioni siano spostate ad una distanza nel tempo di almeno 3 mesi dalla corretta pubblicizzazione della consulta, vista la scarsa applicazione che ne è stata fatta fin’ora. Niente più scuse”.

redazione@vastoweb.com

Più informazioni su