vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

San Salvo ad un passo dai play off: intervista a Izzi, Di Vaira e Russo

Più informazioni su

SAN SALVO. Domenica match importantissimo per l’US San Salvo contro la Torrese. Nell’ultima di campionato la squadra del presidente Di Vaira si gioca la qualificazione ai play off e la possibilità conseguente di una promozione in D. Dopo la vittoria sull’Angolana mancano gli ultimi tre punti secondo il pronostico che fece nella settimana che precedeva la partita contro il Vasto Marina il presidente. Nove punti e guardare solo in casa nostra l’appellativo.  (Il link delle interviste al presidente Evanio Di Vaira ed al giocatore Daniele Izzi: https://youtu.be/MDw9xZBOrLo )
“Come gruppo abbiamo un obiettivo chiamato play off. Stiamo andando al meglio quest’anno. Dopo la partita di domenica pensavamo che non sarebbe servita questa di domenica e invece dobbiamo essere concentrati fino all’ultimo perchè la sfida contro la Torrese non sarà una passeggiata. Contro l’Angolana non abbiamo iniziato al meglio la gara ma nella ripresa abbiamo dimostrato di correre più degli avversari, abbiamo spinto, fatto goal, potevamo farne anche altri e forse abbiamo dimostrato di meritare di stare sopra la Renato Curi. Sono arrivati tantissimi tifosi. Tra noi, la società, il mister e lo staff tecnico c’è sempre sintonia, siao coesi. Il direttore e il presidente riescono a trasmettere carica e invogliare tante persone a seguirci anche fuori casa oltre il gruppo nutrito di tifosi che il San Salvo ha sempre avuto e su cui può sempre contare. E’ anche grazie a loro se siamo cosi in alto in classifica” spiega Daniele Izzi. “Anche gli amministratori ci hanno sempre seguito e questo ci ha fatto piacere. Noi facciamo l’appello anche a chi da molti anni non veniva più allo stadio. Chi è tornato a seguirci l’ha fatto perchè ha visto impegno da parte nostra e si è divertito poi. Invito tutti a seguire la partita contro la Torrese perchè decisiva per iniziare un bel cammino magari nei play off”.
“L’obiettivo iniziale era la salvezza abbastanza tranquilla anche se sapevamo di avere una squadra molto valida con ragazzi giusti al posto giusto. Abbiamo trovato già una squadra ben assortita. Un mix di gente esperta tipo Izzi che è uno degli anziani della squadra ed è un classe ’89 quindi fa strano considerarlo “anziano” . O come Felice Giuliano e Vito Marinelli classe ’91 bandiere del San Salvo. Abbiamo messo qualche altro tassello al posto giusto. Abbiamo puntato molto sui nostri ragazzi, li abbiamo fatti crescere. Per molti c’è stato l’esordio in Eccellenza. Altre 3/4 under sono già diversi anni che giocano con noi in questa categoria e strada facendo ci siamo resi conto sempre di più che con il bel gruppo e ambiente che si erano creato potevamo fare davvero bene. Abbiamo nove punti in più rispetto all’anno scorso con una partita in meno anzi con tre partite in meno perchè c’è sempre la questione Borrello. Siamo comunque soddisfattissimi di quanto stiamo e stanno facendo e va benissimo cosi. Due domeniche fa siamo tornati al Bucci e abbiamo registrato un pienone. La tifoseria del San Salvo la conosciamo. E’ una piazza calda, competente di calcio. Il pienone c’è stato anche spesso in trasferta cosi come a Città Sant’Angelo. Domenica si prevede per una partita fondamentale una bella giornata di sole e siamo sicuri che l’affluenza allo stadio sarà ancora maggiore”. 
E alla domanda su chi gli piacerebbe fosse decisivo domenica contro la Torrese il presidente risponde cosi: Questa è una squadra dove tutti possono essere decisivi. Formata da ottimi ragazzi ed individualità. Abbiamo giocatori che per questa categoria sono un lusso. Siamo felici. Qualsiasi giocatore dovesse riuscire a risolvere la partita a noi va benissimo. Per noi sono tutti uguali. Va bene anche se segna Cattenari. Non esiste disparità o chi è al di sopra degli altri. Abbiamo creato un gruppo e va dato merito a loro straordinario. Non voglio essere retorico ma sono una famiglia. Si sono comportati al meglio durante tutto l’anno” soddisfatto Evanio Di Vaira.
“Si lotta per un traguardo e una promozione in D che manca a San Salvo da 35 anni. 11 maggio 1980. Data storica per l’US San Salvo. Conquistò per la prima volta la promozione per l’allora Interregionale, l’attuale serie D. A Bussi finì 0-0. Io all’epoca ero appena arrivato a San Salvo e non ero sugli spalti ma gli anni successivi ero sempre presentissimo sugli spalti del Davide Bucci.  Stiamo coltivando ora questo sogno e tutti i sogni si possono avverare. Il nostro campionato è stato in crescendo. Frutto del lavoro di tutti messi insieme. Avevamo l’obiettivo salvezza, ambiente tranquillo senza pressioni e giornata dopo giornata abbiamo conquistato i punti che se domenica dovessimo vincere ci permetteranno di fare i play off. Un plauso in maggior modo ai giocatori. Un gruppo non numerosissimo ha fatto si che questo sogno si stia quasi per realizzare. Nonostante tanti infortuni e tante squalifiche” sorridente il segretario Pietro Russo. Tiziana Smargiassi (tizianasmargiassi@vastoweb.com)

Più informazioni su