vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

E' caccia agli inquinatori dei fiumi che avvelenano la nostra acqua

Più informazioni su

VASTO. Il peggio è passato. Il torrente Annecchia non è più rosso. “Il suo colore sta tornando normale”. I risultati dell’ultima ispezione fatta ieri dagli agenti ittici dell’associazione Arci Pesca Fisa sono rassicuranti. La loro denuncia deve avere scoraggiato gli autori dello scempio costringendoli a fermarsi.” Il materiale che ha provocato il fenomeno si è depositato sul fondo. Ora aspettiamo un sopralluogo dei tecnici e dell’Arta”, dice il presidente dell’associazione, Giuseppe Zappetti. Gli agenti ittici hanno scoperto il nuovo inquinamento martedi. Una strana colorazione   tendente al rosso delle acque del torrente Annecchia, al di sotto del ponte della Fondovalle Trigno SS.650, in località Zona Industriale del Comune di  Fresagrandinaria. “Il giorno seguente, mercoledì 10 giugno, nelle successive fasi di monitoraggio del torrente Annecchia”, racconta il presidente provinciale “oltre al residuo della strana colorazione  abbiamo scoperto una notevole massa di fanghiglia che non era presente nei giorni precedenti al controllo”.
Zappetti ha immediatamente messo al corrente le forze dell’ordine, la Asl e la Regione. ” Spero che al più presto si riesca a risalire ai responsabili”, annota Giuseppe Zappetti. Una denuncia motivata dalle numerose aggressioni ai corsi d’acqua della vallata del Trigno. Da due anni periodicamente si verificano attentati ambientali sui quali la Procura di Vasto  sta indagando. A condurre l’inchiesta è il sostituto procuratore della Repubblica, Enrica Medori. Sulla scrivania del magistrato sono finiti diversi faldoni. Paola Calvanopaolacalvano@vastoweb.com

Più informazioni su