vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Il vastese obiettivo vulnerabile della malavita, ma la Procura rassicura

Più informazioni su

VASTO. Vasto, città di frontiera. La malavita incalza. Incendi, furti, rapine. Vasto e come Vasto anche San Salvo e i piccoli comuni della vallata del Trigno hanno perso da tempo il sonno. “Mi rendo conto che subire un furto non è piacevole ma le forze dell’ordine vigilano costantemente giorno e notte sulla città e sul territorio per prevenire i reati. Ogni notte a Vasto ci sono cinque pattuglie di carabinieri, polizia e guardia di finanza e anche il Comune sta facendo un buon lavoro”, dice il procuratore capo Giampiero Di Florio. 
Altre 5 pattuglie sono spalmate nei comuni comuni vicini. Monitorare gli arrivi da fuori regione è tuttavia impossibile. Peggio sarebbe se venissero soppressi Tribunale e Prefettura. Per quanto riguarda quest’ultima da Roma arrivano notizie tranquillizzanti. Il Tribunale invece resterà sicuramente in vita fino al 2018. Poi nessuno sa cosa accadrà. Nessuna delle autorità intervenute venerdi alla cerimonia di consegna delle toghe d’oro ha fatto dichiarazioni tranquillizzati. Nessuna certezza.
“Non vorrei assistere alla soppressione di questo seppur piccolo, importantissimo ufficio giudiziario”, ha detto Di Florio nel corso dei suo intervento. La Procura sta indagando attivamente su tutti i fatti di cronaca successi in città. Anche sull’incendio all’esterno del bar di corso Italia, nonostante si parli di possibile corto circuito. Il problema della sicurezza è in sostanza all’attenzione di tutti. Intanto dopo 10 anni di annunci sembra essere arrivata davvero al capolinea la videosorveglianza. “I lavori di installazione delle telecamere su pali della pubblica illuminazione e sugli impianti semaforici sono già iniziati”, conferma il vice sindaco Vincenzo Sputore. paolacalvano@vastoweb.com

Più informazioni su