vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Del Casale: qualche spiraglio per la Sider Vasto continuo ad averlo

Più informazioni su

VASTO. Il segretario cittadino del Pertito Democratico, Antonio Del Casale interviene in merito alla vicenda della Sider Vasto, l’azienda di Punta Penna.
“La vicenda della Sider Vasto è molto diversa da quella di altre aziende in difficoltà. La Sider Vasto è fatta di operai che hanno sempre svolto bene il proprio mestiere, parliamo di persone qualificate che in fabbrica ci sono sempre andate. Siamo ben lontane dai tassi di assenteismo, siamo molto distanti da chi conosceva poco i propri “macchinari”. 
Sono operai che non hanno avuto bisogno di raccomandazioni, sono operai che in ogni caso hanno delle competenze ben specifiche, sono operai che hanno lottato davvero facendo i picchetti davanti ai cancelli. Uomini che hanno capito che si giocava molto attorno allo slitter, il prezioso macchinario di precisione che taglia le lamiere, impedendo l’uscita dal capannone poiché quel capannone vuoto vale molto poco. Sono operai che in queste ore di difficoltà sono riusciti a capire dove si è annidata la problematica e che hanno anche ringraziato l’Assessore Regionale Giovanni Lolli ed il Sindaco di Vasto Luciano Lapenna per l’impegno svolto. 
Sono uomini con grande dignità, che hanno difeso il loro posto di lavoro, senza mai abbracciare le facili sirene di pennivendole o strumentalizzando lo strazio di questa vicenda. Operai con la schiena dritta, che hanno sperato in una riconversione a cui troppo spesso si è stati vicini e che conoscono passo dopo passo ogni singolo accadimento di questa vicenda. 
Qualche spiraglio che non tutto sia perduto prima della mobilità io continuo ad averlo, cosi come continuerò a chiedere con insistenza alle istituzioni di non dimenticare mai questi lavoratori. Di situazioni critiche nel vastese ne abbiamo diverse, di lavoratori e lavoratrici da recuperare anche ma credo che operai non assenteisti e che hanno difeso la loro azienda e i propri macchinari meritino di più perché il “merito” deve tornare ad esistere in questo Paese. La mia vicinanza politica ed umana  -conclude Del Casale- verso questa situazione ci sarà sempre perché ho riscontrato in quegli occhi la dignità di voler lavorare, merce rara in un Paese allo sbando”.
redazione@vastoweb.com

Più informazioni su