vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Grega Bole di nuovo sul podio dopo il trionfo al Gp Costa degli Etruschi

Più informazioni su

LAIGUEGLIA. Altra grande prestazione del team NIPPO Vini Fantini, che chiude con il terzo posto di Grega Bole, di nuovo sul podio dopo il trionfo al Gp Costa degli Etruschi. Vince Andrea Fedi (Southeast-Venezuela) scappato dal gruppetto di testa a poco più di un km dal traguardo, nella volata ristretta secondo Sonny Colbrelli (Bardiani CSF) e terzo lo sloveno Grega Bole della NIPPO Vini Fantini. La giornata era iniziata ancora una volta all’attacco con Genki Yamamoto protagonista della fuga a tre di giornata, davanti a tutti per oltre 100km. La fuga viene ripresa all’inizio del primo dei tre giri del circuito finale che prevedevano l’ascesa di Colla Micheri e lo strappo di Capo Mele. All’ultimo giro arriva l’attacco di Damiano Cunego, ai piedi di Colla Micheri, che fa il vuoto e parte la selezione nel gruppo degli inseguitori che rientrano sul capitano #OrangeBlue solo al culmine della salita in una ventina di unità tra i quali Grega Bole e il giovane talento Iuri Filosi.
Sul traguardo la soddisfazione di Grega Bole si mischia all’amarezza per il bis di vittorie mancato: “Sia io che Damiano Cunego stavamo molto bene e quindi ci siamo parlati e ci abbiamo provato in due momenti diversi. Lui ha affrontato la salita in modo impressionante ha staccato tutti, poi peccato per la volata ristretta con Fedi che era andato via, altrimenti io e Colbrelli avremmo potuto giocarci la vittoria. Voglio davvero ringraziare la squadra perché oggi hanno lavorato bene e questo podio è ancora merito loro.”
Il DS Stefano Giuliani esprime tutta la sua soddisfazione per la settimana trascorsa in Liguria. “E’ stata una settimana di allenamenti e test molto utili per avviare al meglio la stagione, non solo in vista di questo week-end. Chiudere con un podio, in una gara così dura e di livello è una bella soddisfazione, ma lo è ancor di più aver visto la squadra ben figurare. Da Genki Yamamoto in fuga a Filosi pimpante in salita, Damiano Cunego che quando ha attaccato ha fatto la differenza e Grega Bole che ancora una volta ha dimostrato di potersela giocare con tutti in volata con Colbrelli (2°) e Felline (4°). Lavorando così ci toglieremo delle belle soddisfazioni.”
redazione@vastoweb.com

Più informazioni su