vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Fondazione P. A. Mileno, ieri incontro per risolvere la questione “stipendi”

Più informazioni su

VASTO. ⁠⁠⁠”Noi delegati aziendali della CGIL della Fondazione Padre Alberto Mileno, Tilli Venanzio e Leone Daniele avevamo chiesto proprio questo al sindaco di Vasto Francesco Menna nel recente incontro in comune, “aiutarci ad organizzare un incontro a Pescara presso l’assessorato alla sanità, con i vertici dell’ ASL Lanciano Vasto Chieti e L’Aquila ( unica assente non giustificata alla riunione), i vertici della Fondazione Padre Alberto Mileno, l’agenzia Sanitaria Regionale, L’assessore alla Sanità dott. Silvio Paolucci le organizzazioni sindacali aziendali e i rispettivi segretari regionali e provinciali“.
E così, ieri pomeriggio alle 15.30 nella sede dell’assessorato a Pescara ci siamo trovati tutti intorno ad un tavolo per cercare di comprendere i veri motivi che da due anni stanno creando problemi e ritardi agli stipendi dei lavoratori della Fodazione Padre Alberto Mileno di Vasto. Vi risparmiamo il resoconto completo dell’incontro che per noi delegati aziendali CGIL e’ stato troppo cavilloso e burocratico. Un solo dato certo e’ emerso nell’incontro e cioè che troppo spesso i tecnici e i dirigenti, nel chiuso dei loro uffici ragionano con cifre e numeri dimenticandosi che dietro a quelle cifre e numeri ci sono le persone malate e i lavoratori che per colpa di un articolo di legge male interpretato o in attesa di una interpretazione di legge non saldano le fatture delle prestazioni in setting e ciò ricade inevitabilmente sull’anello debole della catena “‘i lavoratori che non ricevono gli stipendi“. Alla fine del giro in giostra solo noi lavoratori con le nostre famiglie paghiamo per cavilli, norme sbagliate e prese di posizione ostili. Insomma, questo ci è parso di cogliere nell’incontro di ieri e cioè che articoli di delibere dei commissari della sanità regionale, norme da interpretare, delibere superate da altre, UVM provinciali che classificano i pazienti in setting inesistenti, NOC che si prendono il loro tempo per le verifiche, ecco che per tutte queste cose, il dirigente ASL che dovrebbe trasformare i numeri, le delibere e le verifiche in fatture o meglio in soldi che permettono alle strutture sanitarie di poter continuare a pagare gli stipendi, bene, queste fatture per tutta una serie di situazioni bizzarre, vengono pagate in ritardo. Per capirci, ieri nell’incontro è emerso che le fatture inviate dalla Fondazione non sono state pagate perchè per qualche fattura era richiesto un ulteriore approfondimento. In pratica se su 100 fatture 99 erano in setting e una era fuori setting i dirigenti, tagliatori di sprechi, hanno deciso di non pagarne nessuna.
Il tutto possiamo tradurlo così, che per colpa della burocrazia tagliasprechi nella sanità, noi lavoratori siamo da mesi senza stipendi e da dicembre siamo anche senza 13 mensilità. Abbiamo avuto la sensazione che noi lavoratori siamo stati lasciati soli con i nostri problemi. Il linguaggio dei tecnici che parlavano di setting, UVM, NOC, delibere, articoli sentenze, ex art. 26, etc, evidenziava le nostre perplessità e cioè che i tagliatori di sprechi troppo spesso si dimenticano che dietro a quei dati, numeri e cifre ci sono tanti professionisti che ogni giorno si prendono cura dei malati. Non pagare le fatture si traduce inevitabilmente in un mancato pagamento degli stipendi ai lavoratori che, ricordiamolo, non ce la fanno più e sono l’anello debole della catena. E ieri i sindacati tutti hanno ricordato all’assessore alla sanità dott. Paolucci, al Manager della ASL dott. Flacco, al dott. Galassi e alla dottoressa Di Pietro “che senza stipendi e con questa situazione che dura da due anni non sanno quanto riusciranno ancora a resistere“!
Sono stremati e arrabbiati, ma soprattutto che continueranno a lottare per salvare il posto di lavoro e la struttura stessa che è una risorsa per il territorio del vastese. Unitariamente Abbiamo ribadito che al più presto devono essere pagati gli stipendi arretrati ai lavoratori..
Il dott. Flacco, il dott. Galassi, la dott.essa Di Pietro, dopo l’intervento risolutivo dell’assessore alla sanità Silvio Paolucci a cui va il nostro vivo ringraziamento, si sono impegnati pubblicamente e da subito a rivedere le loro posizioni e lavorare da subito per superare le incomprensioni e preparare le delibere che possono permettere al Direttore Generale della Fondazione Padre Franco Berti di ricevere le somme dovute e pagare gli stipendi.
Un grazie va al Direttore Generale dell’ASL, il dottor Flacco il quale si e’ impegnato a risolvere definitivamente e una volta per sempre il contenzioso che si trasscina da anni per il centro psichiatrico Azzurra di Vasto della Fondazione. Inoltre l’assessore alla sanità ha spiegato come a breve si potrà risolvere definitivamente il contenzioso sull’art. 14.
L’incontro dobbiamo dire che è stato tecnico burocratico e molto animato. Da, una parte le ragioni della Fondazione rappresentate e rivendicate da Padre Franco Berti, il dott. Nardizzi e l’ avvocato Di Risio con cifre e dati. Dall’altra dalle ragioni dell’ASL con i loro tecnici e nel mezzo noi lavoratori che da anni viviamo un dramma e da mesi siamo senza stipendio. In tutti quei dati, cifre, setting, leggi, delibere, etc. in pochi si sono accorti che ci siamo noi lavoratori che non riusciamo a pagare le bollette che non sappiamo come pagare l’assicurazione della macchina, fare la spesa per mangiare che non sappiamo come pagare le utenze o le rate del mutuo, etc.
Abbiamo ricordato ai tecnici che da due anni anche se non riceviamo gli stipendi con regolarità la struttura continua a funzionare ed erogare prestazioni regolarmente e questo grazie all’impegno dei dipendenti che, nonostante siano senza stipendio da mesi, continuano regolarmente a recarsi a lavoro tutti i giorni e lo fanno con grande professionalità umiltà e amore verso i pazienti e questo accade nel silenzio e nell’indifferenza dei tecnici e dei burocrati.

Per fortuna l’assessore alla sanità, il dott. Silvio Paolucci ha saputo ascoltare in silenzio le ragioni dell’amministrazione della Fondazione e quella dell’ASL e dei lavoratori e alla fine ha chiesto a tutti di fare le loro proposte ed è riuscito, da grande politico qual è, di trovare una soluzione che soddisfa tutti: Insieme al Direttore Generale dell’Asl al dott. Galassi e alla dott.essa Di Pietro al termine della lunga riunione ha proposto che vengano erogate al più presto all’amministrazione del San Francesco le somme vantate, il 15% del fatturato 2015 e agate le fatture delle prestazioni in setting relative alle al mese di maggio e giugno 2016.
Ha chiesto all’ASL di anticipare una parte di risorse su eventuali prestazioni ritenute fuori setting ma soprattutto ha chiesto che vengano erogate le somme ferme da anni per la psichiatria del Centro Azzura di Vasto Marina.
Come delegati aziendali della CGIL, abbiamo chiesto al Manager dott. Flacco, al dott Galasso, alla dott.essa Di Pietro e all’assessore Paolucci un ulteriore sforzo per cercare di reperire altre risorse necessarie e utili per pagare al più presto e prima di agosto gli stipendi arretrati ai lavoratori della Fondazione Mileno.

In conclusione come delegati aziendali della CGIL possiamo affermare che abbiamo capito che la sanità regionale non ha bisogno di ragionieri tagliatori di risorse, ma al contrario di tecnici e ragionieri tagliatori dei veri sprechi e capaci di recuperare ingenti risorse e soprattutto che capiscano cosa significhi non pagare le fatture alle aziende perchè questo si traduce nel non pagare gli stipendi ai lavoratori di tutte quelle strutture sanitarie private che ogni giorno erogano assistenza e cura ai malati nella nostra regione.
Ci auguriamo che i tecnici e i dirigenti dopo le parole dell’assessore abbiano capito e compreso come le ragioni dell’uno e quelle degli altri potevano essere da tempo superate se solo si fosse intrapresa la strada del confronto, del dialogo e del buon senso e soprattutto ricordarsi in futuro che in mezzo alle due posizioni ci sono i lavoratori.
Per concludere vogliamo dire che per questo incontro che si e’ svolto ieri a Pescara ci corre l’obbligo come delegati aziendali CGIL ringraziare il nostro Sindaco di Vasto il dott. Francesco Menna che in questi anni ci e’ stato sempre vicino. Grazie Sindaco”.

Così, in una nota stampa, i delegati CGIL Tilli Venanzio e Leone Daniele.

Guarda fotogallery:

Più informazioni su