vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Sinistra Italiana Abruzzo: alla Sevel prima tappa di una carovana davanti alle fabbriche foto

Più informazioni su

VASTO. “In Val di Sangro, dopo i recenti episodi che hanno visto nella Sevel negare le pause per le necessità fisiologiche e richiedere la prosecuzione della produzione con il corpo di un lavoratore infortunato al suolo, stavolta – dichiara Daniele Licheri – Segretario Regionale Si Abruzzo– è la Honda a non rispettare la dignità (e la salute) dei lavoratori, costringendoli a lavorare a temperature insostenibili.

Lavoro straordinario a luglio (cinque giornate), ferie scaglionate (da giugno ad ottobre), recupero a data da destinarsi delle fermate tecniche e, per completare l’opera, straordinari a fine turno per chi lavora di notte. Flessibilità e aumento di produzione devono coniugarsi con un nuovo piano  di assunzioni dirette invece qui l’azienda spreme i lavoratori abusando sia con straordinari che con la somministrazione. Sinistra italiana vuole un nuovo modello di sviluppo che  rimetta al centro i diritti e che porti reali vantaggi al nostro territorio.

Purtroppo in Italia la tendenza è opposta, si lavora di più, con peggiori condizioni e con meno diritti. L’OCSE ci dice che un lavoratore italiano lavora 1725 ore all’anno, mentre un tedesco 1371 e un francese 1482.  Per questo chiediamo la Riduzione dell’orario di lavoro. Roba da estremisti? NO! Perché l’automazione dei processi produttivi sta sfasciando il mondo del lavoro e “promette” di bruciare in pochi anni qualche milione di posti di lavoro. In più, la dimensione del lavoro assorbe tutta la vita della persona e ne riduce tempi e qualità.

Per questo stamattina con una nostra delegazione regionale siamo andati alla Sevel, e nei prossimi mesi visiteremo altre aziende per continuare la nostra carovana di ascolto e di raccolta dati sulla condizione di vita dei lavoratori e metterci a loro disposizione in modo concreto.

Oggi tra le tante segnalazioni ricevute quella di un disservizio della TUA che nella date 29/06, e 06/07   non avrebbero garantito la corsa mattutina – S.Vito Chietino-Val di Sangro – delle ore 07:00 circa, adibita al trasporto dei lavoratori pendolari.

Episodio gravissimo -conclude Daniele Licheri – Segretario Regionale Si Abruzzo-  per dei lavoratori precari che potrebbero non vedersi riconfermati i contratti a causa di queste assenza ingiustificate. Su questo il nostro consigliere Regionale Leandro Bracco farà un’interrogazione all’Assessore Regionale ai trasporti”.

Più informazioni su