vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

“Una spiaggia per tutti 2”, Prospero: “Vasto è rimasta indietro, occorre recuperare”

Più informazioni su

VASTO.“Durante la seduta del Consiglio Comunale di domani torneremo a parlare, nuovamente, dell’importanza di dedicare un’area demaniale a servizio dei disabili”, lo afferma il Consigliere Comunale di Minoranza Francesco Prospero che, in data 1 settembre 2017, ha protocollato, unitamente ai colleghi Vincenzo Suriani, Guido Giangiacomo, Davide D’Alessandro, Edmondo Laudazi e Alessandro D’Elisa l’interpellanza “Una Spiaggia Per Tutti 2”. “All’inizio dell’estate” sostiene il Consigliere Prospero “attraverso mozioni e interpellanze, avevamo chiesto all’amministrazione comunale di realizzare un’area demaniale a servizio dei diversamente abili come era stato fatto in precedenza dall’amministrazione comunale di Fossacesia. L’esecutivo cittadino, sostenuto dalla sua maggioranza, troppo frettolosamente e superficialmente, ha bocciato la nostra proposta perché, a suo dire, destinare un’area demaniale ai disabili sarebbe stato, per gli interessati, una forma di “ghettizzazione. Tale assurda affermazione è stata smentita, nei fatti, dalle positive esperienze di Fossacesia e San Salvo dove, con il progetto “mare senza barriere”, ideato e realizzato in sole 2 settimane, il Comune di San Salvo ha individuato e attrezzato un’area demaniale a servizio dei diversamente abili incontrando il favore dell’utenza e delle associazioni di categoria”. Le stesse associazioni” continua Prospero “si sono dichiarate favorevoli alla realizzazione di un area demaniale attrezzata anche sulla nostra costa, lamentandosi di non essere state coinvolte, dall’amministrazione comunale, in nessun processo decisionale relativo alla predetta tematica”. Pertanto, secondo il Consigliere di Minoranza, “anche la Città di Vasto deve dare attuazione al concetto di “inclusione sociale” e l’esecutivo cittadino deve attivarsi, al più presto, per la creazione di un’area demaniale munita di servizi per disabili e, in generale, per persone con difficoltà motorie. A tal proposito chiederemo, all’amministrazione comunale, di muoversi in tale direzione rivedendo la posizione espressa precedentemente in Consiglio Comunale, ma soprattutto coinvolgendo, nei processi decisionali che le riguardano, le associazioni di categoria. Vasto, nel campo del sociale, coadiuvata dalle “solite” operative, non può essere “all’avanguardia” solo nell’accoglienza degli immigrati, ma deve venire incontro anche alle esigenze dei diversamente abili. Su questo settore, come del resto in altri che riguardano l’economia, la sanità e il turismo è rimasta troppo indietro ed è arrivato il momento di recuperare terreno”.
L’INTERPELLANZA. “I sottoscritti Consiglieri Comunali di Minoranza Francesco Prospero, Vincenzo Suriani, Guido Giangiacomo, Davide D’Alessandro, Edmondo Laudazi e Alessandro D’Elisa, sulla premessa che:
All’inzio dell’estate, attraverso mozioni e interpellanze, gli istanti avevano sollecitato l’amministrazione comunale di Vasto a realizzare un’area demaniale a servizio dei diversamente abili munita di una lunga passerella che consente l’accesso sino a dentro il mare, uno spazio ombreggiato per il ristoro e la permanenza degli utenti , una zona gazebo per l’opportunità di socializzare, carrozzine job e presenza costante di operatori specializzati addetti all’accoglienza, come era stato fatto in precedenza dall’amministrazione comunale di Fossacesia;
L’esecutivo cittadino e la sua maggioranza, troppo frettolosamente e superficialmente, hanno bocciato la proposta delle minoranze perché, a loro dire, destinare un’area demaniale ai disabili sarebbe stato, per gli interessati, una forma di “ghettizzazione”;
Recentemente, con il progetto “mare senza barriere”, ideato e realizzato in sole 2 settimane, il Comune di San Salvo ha individuato e attrezzato un’area demaniale a servizio dei diversamente abili come era stato proposto di fare, a Vasto, dai sottoscritti consiglieri, incontrando il favore dell’utenza e delle associazioni di categoria;
Negli ultimi giorni, alcune associazioni di categoria si sono dichiarate favorevoli alla realizzazione di un’area demaniale attrezzata a servizio dei disabili anche a Vasto affermando che “sarebbe una delle migliori iniziative da attuare, non solo non c’è nulla di ghettizzante nel riservare un tratto di spiaggia a chi ha difficoltà motorie anche temporanee, ma un simile progetto sarebbe auspicabile nell’ottica della inclusività. Le stesse Associazioni, poi, si sono risentite per non essere state in alcun modo interpellate sulla tematica aggiungendo che “Se l’amministrazione ci avesse chiesto di esprimere il nostro parere a riguardo lo avremmo fatto senza alcuna remora. Riservare ai diversamente abili un’area demaniale attrezzata è una iniziativa che vediamo di buon occhio”,
Ciò posto le perplessità discriminatorie dell’amministrazione comunale e della sua maggioranza, alla luce delle predette dichiarazioni, devono ritenersi superate;
Pertanto anche la nostra Città, come hanno fatto San Salvo e Fossacesia, deve dare attuazione al concetto di “inclusione sociale” e l’esecutivo cittadino deve attivarsi, al più presto, per la creazione di un’area demaniale munita di servizi per disabili e, in generale, per persone con difficoltà motorie.
Tutto ciò premesso, i sottoscritti Consiglieri Comunali di Minoranza, nella loro qualità, interpellano, ai sensi dell’art. 60 del Regolamento Consiliare, la S.V., in qualità di guida dell’attuale amministrazione comunale, per conoscere e sapere:

Se, alla luce delle iniziative intraprese dai Comuni limitrofi, che hanno incontrato il favore degli utenti, delle associazioni di categoria e dell’opinione pubblica, intende attivarsi per la creazione di un’area demaniale che permetta alle persone che presentano delle disabilità o comunque difficoltà motorie di potersi muovere agevolmente sulla spiaggia, godere delle bellezze e dei benefici del mare e fare il bagno;

Se, alla luce delle dichiarazioni pubbliche rese dalle associazioni di categoria, ritiene superate le perplessità discriminatorie sollevate dalla Sua amministrazione e dalla Sua maggioranza;

Se, per fugare eventuali ulteriori dubbi della sua amministrazione e della sua maggioranza, intende convocare un tavolo programmatico con i rappresentanti delle associazioni di categoria per discutere con loro dell’utilità dell’iniziativa.”

Vasto, 31 agosto 2017
Francesco Prospero (Progetto Per Vasto) – Vincenzo Suriani (FDI)- Alessandro D’Elisa (Gruppo Misto) Guido Giangiacomo (F.I.) – Davide D’Alessandro (Vasto 2016) – Edmondo Laudazi (Nuovo Faro)

Più informazioni su